Colloquio psicologico

Colloquio psicologico

Durante il primo colloquio, al paziente è richiesto di firmare il modulo relativo al consenso informato. La firma di tali moduli è una garanzia per il paziente, che per mezzo di essi ha l’assicurazione scritta (con valore legale) che tutto ciò che emergerà nel corso delle sedute sarà soggetto al più stretto segreto professionale.

E’ un incontro conoscitivo, in cui lo psicologo entra in relazione col paziente, lo conosce, si allinea con le sue emozioni, paure, aspettative, conquista la sua fiducia ed allo stesso tempo sviluppa la diagnosi che orienterà, poi, tutto il percorso terapeutico.

Dopo il primo incontro conoscitivo, lo psicologo propone alla persona un breve percorso di diagnosi finalizzate a capire il problema presentato dal paziente, ipotizzare nessi causali ed infine proporre il percorso di aiuto più adeguato in base al problema emerso.

Al termine del percorso di diagnosi alla persona viene fatta una restituzione del materiale raccolto, aiutandola ad acquisire consapevolezza di quanto accade dentro di lei, stabilire nessi causali fra i disturbi presentati e gli accadimenti presenti o passati, a capire quale sia il vero problema, purtroppo non sempre chiaro nella mente di chi chiede aiuto.

Terminata la fase di conoscenza e di valutazione dei problemi portati in seduta, lo psicologo discute insieme al paziente su quanto emerso e, in accordo con lui, stabilisce una serie di obiettivi da raggiungere, chiarendone le metodologie utilizzate. Ha, quindi, inizio la psicoterapia vera e propria.


Prenota una visita nel nostro ambulatorio

Contattateci per prenotare una visita medica o un esame specialistico nel nostro studio.